Piazza Garibaldi 1 - Tel. +39 0422 858900

PEC protocollo.comune.pontedipiave.tv@pecveneto.it

Contrasto: a
Testo:
a a a
mappa del sito | Home
Sei in: Biblioteca » Gruppi di lettura » 2013 » 30 gennaio - Il maestro magro di Gian Antonio Stella

30 gennaio - Il maestro magro di Gian Antonio Stella

 il maestro magro

"Il maestro magro"
di Gian Antonio Stella
 


Appuntamento mercoledì 30 gennaio 2013 alle ore 20.45, in biblioteca

"E tu mi vuoi dire che è tutto vero? Quasi tutto. A volte la realtà ha troppa fantasia."

Gli anni duri e bellissimi del dopoguerra nelle storie di un uomo, una donna e un paese che tornava a vivere.

Mettere insieme una classe di analfabeti per avere lo stipendio ridotto che una vecchia legge assegna ai “maestri magri”: è l’obiettivo di Ariosto Aliquò, detto Osto. Il quale, costretto a lasciare la Sicilia, sceglie di tentar la sorte in una terra ancora più povera, il Polesine. Dove conosce Ines, moglie di un disperso in guerra. E lì, in un mondo sospeso tra la terra e l’acqua, la miseria antica e le avvisaglie del boom, le illusioni comuniste e le ostilità beghine per le “coppie di contrabbando”, nasce un amore doloroso e struggente. Che i due “irregolari” portano a compimento andando a immergersi nel brulicante anonimato di un palazzone della cintura torinese in cui si concentra un irresistibile campionario di veneti e calabresi, pugliesi e romagnoli. L’avventura di Osto e di Ines, che scorre lungo tutto il romanzo, è l’occasione per riscoprire l’Italia straordinaria del secondo dopoguerra attraverso decine di storie fantastiche prese dai cinegiornali, dalle cronache di provincia, dalle lettere alle riviste. Un paese di poveri cristi e avventurieri, avvocati mangiapreti e preti mangiapeccatori, santoni e imperatori, venditori di sogni e assassini tristi, trapezisti impavidi e arricchiti vanagloriosi. Protagonisti d’una miriade di racconti che mischiano l’ironia e il dolore, il ridicolo e la morte in un sorprendente gioco di finzione e realtà dove tutto è inventato ma tutto, pare impossibile, è accaduto davvero.