Piazza Garibaldi 1 - Tel. +39 0422 858900

PEC protocollo.comune.pontedipiave.tv@pecveneto.it

Contrasto: a
Testo:
a a a
mappa del sito | Home
Sei in: Biblioteca » Iniziative » Iniziative 2013 » 20 febbraio - Benvenuti: approdi pittorici

20 febbraio - Benvenuti: approdi pittorici

 opera di Benvenuti: volo sulla masiera

 

mercoledì 20 febbraio ore 20.45 - biblioteca comunale

 

Benvenuti: approdi poetici

un incontro per approfondire la conoscenza della pittura di Arturo Benvenuti in occasione della mostra in corso presso la biblioteca di Ponte di Piave

relatore: Roberto Costella 

 

--- --- ---

Nella produzione pittorica di Benvenuti, l’immagine della natura veduta diventa visione, sintesi tramutata di forma e materia, sublimazione di luce e colore. La ricerca figurativa ispirata a Lussino e alle isole istro-dalmate sviluppa un processo di astrazione e, attraverso un’elaborazione concettuale, giunge ad individuare le costanti e gli archetipi dove il “segno” diviene pensiero e presenza, simbolo e sostanza di una connotata realtà.
La trasfigurazione di Benvenuti e un percorso che, partendo dalla percezione ottica metabolizza il paesaggio e, dalla forma empirica, giunge all’essenza della materia e dello spazio: la purezza delle strutture grafiche e delle campiture cromatiche costituisce un'interpretazione estrema del mondo lussignano, un testo visivo non ulteriormente riducibile, un’iconografia che esprime e conquista l'incontaminata primordialità del mondo carsico isolano.
Le immagini dipinte, concrete - nello spirito che le informa anche se non nelle apparenze – e simboliche - nelle valenze a cui alludono e che implicano - si sviluppano combinando segni geometromorfici e organomorfici, cioè strutture pure, regolari e iterate, insieme a strutture singolari, variegate ed esclusive.
Si tratta della polarità dialettica e della dinamica compositiva dei suoi dipinti, concepiti come "variazioni sul tema", prodotti dalla fine degli anni Sessanta con ispirata e sapiente determinazione in migliaia di immagini a formato ridotto; cartoncini preziosi e calligrafici, pensati come un diario intimo in lingua visiva e dedicati alla terra della vita.
In effetti la sua arte, come del resto la poesia, si ispira e identifica con le masiere, i macigni e le pietraie, cioè con le rocce carsiche che tutto raccolgono, impregnandosi e corrodendosi, intridendosi e consumandosi. Benvenuti stesso opera come un masso lussignano capace di assorbire e di lasciarsi permeare, creando per "evaporazione" - i rari dipinti naturalistici - più spesso, intriso di umore, per "sedimentazione" - i tanti pittogrammi di paesaggi isolani - filtrando dentro la pietra per stratificare sostanze calcaree e fissare particelle organiche giunte da fuori.
Sono immagini che nascono dall'Io profondo, risultato del sentire, del pensare e del sapere oltre che del vedere; perciò la figurazione è sintesi e summa dell’intera attività intellettuale, e la dimensione in cui la "molteplicità" degli interessi e delle sperimentazioni si riduce all' “uno”.

(Roberto Costella)

 

torna alla pagina della mostra