Piazza Garibaldi 1 - Tel. +39 0422 858900

PEC protocollo.comune.pontedipiave.tv@pecveneto.it

Contrasto: a
Testo:
a a a
mappa del sito | Home
Sei in: Servizi » Io Cerco » Piano Casa Regionale

Piano Casa Regionale

 

PIANO CASA REGIONALE

prorogato fino al 30 novembre 2013

 

 

Il Consiglio Regionale, nella seduta dell’8 luglio 2011, con legge n. 13, ha introdotto modifiche alla legge regionale 14/2009, che a sua volta interveniva sulla legge regionale 16/2007 e sulla legge regionale urbanistica – n. 11/2004.

Si tratta di un provvedimento regionale che proroga gli effetti del cosiddetto “piano casa regionale” (fino al 30 novembre 2013, come indicato all’articolo 8), ed introduce anche ulteriori modifiche:

  • gli ampliamenti per i quali è previsto, oltre al 20 % contenuto nella legge precedente, un ulteriore 15% , qualora vi sia un contestuale intervento di riqualificazione che porti la prestazione energetica dell’edificio, come definita dal decreto legislativo n. 192/2005, alla classe B (articolo 1 della nuova legge);

  • la possibilità di intervenire nei centri storici (articolo 6) nei casi in cui l’edificio interessato sia riconosciuto dallo strumento urbanistico privo di grado di protezione, ovvero con possibilità di interventi che consentano anche la ristrutturazione edilizia o urbanistica;

  • la possibilità di introdurre modiche alle destinazione d’uso, con una specifica disciplina per quelli situati in zona impropria (articolo 6, c. 2);

Alla Giunta Regionale sono assegnati 60 giorni per approvare disposizioni integrative (art. 3, ultimo comma, della legge).

Ai Comuni (articolo 6, c. 1, ed articolo 8, c. 4, della nuova legge) è assegnato il termine del 30 novembre 2011 per deliberare “se e con quali limiti e modalità” applicare la normativa regionale.

Tra le altre novelle, non propriamente pertinenti al “piano casa” sono meritevoli di segnalazione per gli uffici tecnici dei comuni:

  • l’articolo 10 – disposizioni in materia di autorizzazione di impianti solari e fotovoltaici, con in quale la Regione trasferisce ai comuni la competenza al rilascio dell’autorizzazione unica per impianti solari e fotovoltaici con potenza fino ad 1 megawatt di picco; e

  • l’articolo 11 – modifica all’articolo 20 della legge urbanistica regionale, che modificando ulteriormente i termini per l’adozione dei piani attuativi, ne introduce la perentorietà degli stessi e, nel caso di decorso dei termini, l’automatica adozione, quasi introducendo nei procedimenti di pianificazione (seppur attuativa) il criterio del silenzio-assenso.